Cala Benirràs dopo l’incendio

Cala Benirrás después del incendio

Sono passati due mesi dal momento che l’incendio ha devastato Cala Benirrás. Anche se non ha piovuto molto, freddo di Ibiza ci corre indietro ogni volta che vediamo un elicottero sorvolando il cielo in direzione nord. Così, con il cuore leggermente ridotto, siamo tornati a visitare Cala Benirrás dopo l’incendio. E questo è quello che abbiamo trovato.

Arrivando a Cala Benirras.

Sono le 4 del pomeriggio, e abbiamo lasciato la fiera dei migliori di Santa Gertrudis con lo stomaco pieno. Come il pomeriggio va ancora un lungo cammino, prendiamo la strada di Sant Miquel (Sant Miquel) fino a trovare una deviazione a San Lorenzo (Sant Llorenç). Siamo arrivati all’indicazione del d’Aubarqueta Pou, ci dirigiamo verso Cala Benirras. Non c’è nessun scenario più-rurale, a nord di Ibiza. Un’enorme vallata circondata da colline. Verso l’est, le trame prime scure sulla foresta dare indicazione della grandezza del fuoco. Sulle colline del paesaggio assomiglia un autunno in Europa orientale. Ma si tratta di Ibiza, e il verde predomina sulle montagne dodici mesi all’anno.

Il nostro percorso non ha nessuna perdita, e all’ingresso del Creek, quando le curve diventano intense, un odore di bruciato scivolato attraverso le prese d’aria della vettura. Siamo venuti per l’origine della zona di fuoco, e il paesaggio è desolante. Le attività di pulizia, che continuano pur essendo domenica, hanno cancellato il pennello e tagliare molti tronchi. Li troviamo ai bordi della strada. Il Monte si presenta come un fiammifero bruciato. Si può vedere come le fiamme è salite alla cima della montagna, bruciando gli alberi nella parte superiore. Alcuni alberi di pino, lontano il focus principale e che riposa sul versante, sono scappati.

La vista del fuoco da Cala Benirràs.

Arrivare alla spiaggia e lasciare l’auto, distanza di loro pino nel caso, è andato giù fino a quando uno di loro bar per prendere un caffè. Sono cinque e sentito un paio di tamburi, debole, che sì. Ci sono persone bloccate nell’acqua. Siamo nel mese di ottobre. La spiaggia non ha perso un apice del suo splendore, anche se travolge pensare in essa persone che aveva che fuggire mare a, scappare dal fumo. Per andare alla spiaggia e sguardo verso dietro, cercare di capire l’angoscia di vedere il fuoco sulla collina, proprio. Può essere visto i resti dopo l’incendio.

Durare un po ‘, dimenticare il Monte e guardare in un momento il mare. Sporgenza rocciosa che emerge non è noto quanti metri non passa inosservato a chiunque. Il terrazita di legno, senza proprietario noto, è utilizzato da persone per sedersi e riposare un po’, con l’occhio sulla torre des Molar. Un giorno egli giocherà me per farle visita, ma vedendo la rupe che si profila, verità, rimosso un desiderio.

 

Ultima hanno un paio d’ore da quando siamo arrivati a Cala Benirras, e loro tamburi sono andato aumentando il volume. È il momento del ritorno a casa, per alcuni. Altri cominciano ad arrivare, con i tamburi più perfettamente vestite. Forse è il momento di cantare le canzoni di una dea fenicia e chiedergli di recuperare presto la loro montagna, e tutto ciò che bruciato dopo il fuoco.

Montes abrasados

Ulteriori informazioni e fotografie nella scheda della Cala Benirrás