chiese di Ibiza. L'evoluzione di un popolo

dominando la città di Ibiza, troviamo la Cattedrale di Ibiza, una stampa unica. Tag

Possiamo vedere come l’evoluzione demografica e culturale degli abitanti dell’isola ha riconvertito il paesaggio e distribuito i nuclei urbani secondo elementi storici. Abbiamo iniziato il nostro viaggio attraverso il percorso storico dei luoghi di culto di Ibiza, riferendosi alla cappella sotterranea di Santa Inés. Anche se è in una grotta di origine naturale, la credenza di culto dall’Impero Romano rende il nostro primo punto di riferimento. Tuttavia, il primo edificio con riferimenti scritti è costituito dalla fine del XV secolo, con la conquista aragonese. La Chiesa della Vergine Maria di Gesù servì come luogo per raccogliere gli abitanti della zona e per riparare i monaci francescani. Questa Congregazione è spostata nella zona degli intramurali della città alta dopo la creazione della Chiesa di Santa Maria, futura Cattedrale di Ibiza. La presenza dei bastioni diede origine alla Chiesa di San Salvador, conosciuta anche come San Telmo, o Sant Elm nel XVI secolo.
Iglesias de Ibiza




La cultura del campo

Essendo la Salinas uno dei motori principali dell’economia del tempo, la Chiesa fortificata di San Jorge de Las Salinas (Sant Jordi) è costruita per proteggere gli abitanti delle incursioni marittime. Anche se queste costruzioni di solito sostituiscono piccole chiese o cappelle, la loro data di creazione è stimata nel XVI-XVII secolo e sono presentati nelle aree più popolate e importanti di quel tempo. Questo è quanto è bella la Chiesa fortificata di Puig de Missa a Santa Eularìa, la Chiesa di Sant Antoni de Portmany e la spettacolare chiesa di San Miguel de Balancet. Ritiri spirituali in tempo di pace e fortezze in tempi di disagio. Nel XVIII secolo fu la svolta della Chiesa di San José, anche se distrutta durante la guerra civile e replicata anni dopo. Alla fine di questo secolo, patrocinato dalla monarchia e sotto gli ordini del vescovo Abate e della Sierra, i templi iniziarono ad essere costruiti con lo scopo di avvicinare la Chiesa ai parrocchiani, o viceversa. Inizia la costruzione della Chiesa di San Juan de Lebrija, San Lorenzo de Balafia, San Francisco de Paula, San Carlos de Peralta, Santa Gertrudis de Fruité, San Mateo, San Agustín e San Rafael. Alcune di queste chiese avrebbero preso un po’ di tempo per terminare la costruzione a causa delle Pitiusa e della fragilità economica imperiale del tempo. Durante il XIX secolo, e a causa di bisogni puramente spirituali, sono costruite le chiese di Santa Inés de Corona, es Cubells e San Vicente de la Cala.

Utilizamos cookies en nuestro sitio web

Por favor, confirma si aceptas nuestras cookies. Puedes rechazarlas y continuar en este sitio sin enviar datos a terceras partes.